TAB LATERALE
BOTTONE PAGINE SOCI
 
titolo

News 

 
30/11/2016
Grazie a "Credito Aperto" e "S'è" ... arrivederci in "Terra Patavina"!
In tipografia una nuova testata che darà voce alla "terra" di BCC Patavina

 

Con la nascita di Banca Patavina gli editoriali della BCC di Piove di Sacco “Credito Aperto” e della BCC di Sant’Elena “S’è – Banca Sant’Elena informa” giungono alla loro ultima edizione.
Dal prossimo anno, infatti, la pluriennale esperienza dei due periodici locali confluirà nella nuova testata “Terra Patavina”, mantenendo gli obiettivi di sempre: dare voce, in pieno stile cooperativo, alle tante comunità dove da oltre un secolo si lavora, si produce, si coltivano relazioni, si raccontano arte e cultura, si esprime solidarietà.
 
Il primo numero di Credito Aperto e di S’è – Banca Sant’Elena informa uscirono, rispettivamente, nel 1995 e nel 2004. Gli obiettivi dei due periodici, rivolti alle famiglie ed alle imprese del territorio, erano gli stessi e chiari sin dalla prima edizione.
Prima di tutto, quello di ribadire con forza, con la forza della comunicazione, il fatto che la BCC è una realtà nata e profondamente inserita tra la gente ed il tessuto economico e sociale della zona cui appartiene.
Una presenza, dunque, non soltanto economica, ma attenta anche ai processi culturali, alle varie iniziative che animano il territorio, al volontariato.
Un secondo obiettivo condiviso è stato certamente quello di offrire un valido strumento di informazione e riflessione sui temi di maggior rilievo ed interesse per il territorio.
Credito Aperto e S’è si connotarono sin da subito per non essere soltanto l’organo di comunicazione della rispettiva Banca ma, in maniera più ampia, una presenza a tutto campo sullo scenario della realtà di zona. Infine, come soggetto operante a vari livelli, ciascuna BCC ha utilizzato le pagine del proprio giornale per far
conoscere le proposte e iniziative, la vita della Banca, creando un maggiore legame con i Soci e i Clienti”. Obiettivi semplici ed al contempo ambiziosi, ai quali i due periodici hanno cercato di tenere fede nei tanti numeri di vita.