16/01/2023
A SERVIZIO DI UN SETTORE TRAINANTE

Festa grande a Chioggia, per il compleanno del Mercato ortofrutticolo di Brondolo. Cinquant’anni di attività e impegno al servizio di aziende e operatori di uno dei settori trainanti dell’economia locale. Ma anche l’occasione per fare il punto della situazione, soprattutto in merito alle opere e alle iniziative necessarie di garantire e potenziare la crescita e lo sviluppo dell’importante infrastruttura.

Mezzo secolo di mercato ortofrutticolo di Brondolo. Cinquant’anni che sono stati festeggiati con un convegno, ma anche con la presentazione di un volume in cui vengono ripercorsi i momenti più importanti della sua storia. Il libro è stato curato da Mauro Gambin, giornalista e direttore del Magazine “Con i piedi per terra”.

All’evento non potevano mancare i rappresentanti delle varie istituzioni, sia a livello cittadino che provinciale e regionale. Il sindaco di Chioggia, Mauro Armelao, ha voluto ringraziare gli operatori che hanno reso grande il Mercato, contribuendo alla crescita di tutto il territorio. Il primo cittadino ha parlato anche della necessità di realizzare la barriera antisale sul Brenta, “opera per la quale il Comune ha già messo a bilancio 1,7 milioni di euro e che servirà non solo a difendere la nostra agricoltura, ma anche ad offrire alle frazioni un collegamento viario alternativo alla Romea”. Il sindaco, inoltre, ha promesso che, già a inizio 2023, tornerà a premere sul governo per ottenere il via libera definitivo all’opera, da nove milioni di euro complessivi.

Durante la giornata sono stati premiati i vincitori della terza edizione del premio “Radicio de Vero”, ideato dal Consorzio di tutela del Radicchio di Chioggia per riaffermare l’originalità di questo pregiato ortaggio nel panorama dell’orticoltura regionale e nazionale. Il premio è stato realizzato da un mastro vetraio di Murano, Stefano Dalla Valentina.

A ricevere il riconoscimento sono stati Patrizio Garbin, premiato da Alberto Rovigatti di BCC Patavina; Pietro Cigna, a cui il premio è stato consegnato dalla consigliera regionale Erika Baldin; Umberto Tiozzo Ambrosi, premiato dal consigliere regionale Marco Dolfin.